Già partite le le nuove assunzioni, sin dal 1° gennaio 2015, che beneficiano - per la durata di trentasei mesi a partire dalla data di assunzione - del beneficio statale di esonero contributivo.

E' stata anche pubblicata dall'INPS la circolare n. 17 del 29.1.2015 relativa all’esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato (nel corso del 2015) ai sensi dell’articolo unico, commi 118 e seguenti, della legge n. 190 del 23 dicembre 2014 (Legge di stabilità 2015).

La circolare è stata pubblicata col precipuo scopo di fornire le istruzioni dettagliate per la gestione degli adempimenti previdenziali connessi all’esonero contributivo introdotto della Legge n. 190/2014, allo scopo di promuovere forme di occupazione stabile.

Il beneficio si applica a tutti i datori di lavoro privato, e non assume rilevanza la sussistenza della natura imprenditoriale in capo al datore di lavoro, pertanto il beneficio è esteso anche ai soggetti non imprenditori.

L’esonero contributivo riguarda tutti i rapporti di lavoro a tempo indeterminato, ancorché in regime di part-time, con l’eccezione dei contratti di apprendistato e dei contratti di lavoro domestico.

L’esonero contributivo spetta a condizione che, nei sei mesi precedenti l’assunzione, il lavoratore non sia stato occupato, presso qualsiasi datore di lavoro, con contratto a tempo indeterminato.

La misura dell’esonero è pari all’ammontare dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi e contributi INAIL, nel limite massimo di un importo pari a euro 8.060,00 su base annua. L’applicazione del predetto beneficio non determina alcuna riduzione della misura del trattamento previdenziale, in quanto l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche resta fissata nella misura ordinaria, pari, per la generalità dei lavoratori subordinati, al 33% della retribuzione lorda imponibile. Parimenti, continuano ad applicarsi ai lavoratori gli istituti e gli interventi previdenziali tipici del settore in cui opera il relativo datore di lavoro.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?