Siamo sicuri che per il nostro Paese il modello della megalopoli sia l’unica strada possibile per favorire la crescita economica, l’innovazione tecnologica, lo sviluppo infrastrutturale e la qualità della vita?

Le indagini demografiche ci dicono che oltre la metà della popolazione umana vive nelle città, che occupano il 2,5% della superficie della terra. Entro il 2030 ci saranno 41 megalopoli con più di 10 Milioni di abitanti a fronte delle attuali 28.

Le grandi agglomerazioni urbane sono oggi considerate le uniche in grado di attrarre investimenti, di promuovere l’innovazione, di produrre PIL. In molti studi si sostiene che per reggere la competizione su scala mondiale le città devono necessariamente diventare più grandi.

Allo stesso tempo il sovraffollamento sempre più intenso delle megalopoli ci pone di fronte a problemi complessi relativi all’inquinamento ambientale, all’uso delle risorse, alla produzione di rifiuti, ai sistemi di trasporto ecc. Pone, in sintesi, un quesito sulla capacità di tali modelli insediativi di garantire il benessere dei cittadini.

La “resistenza” sino ad ora dimostrata dall’Italia verso i modelli di concentrazione demografica delle megalopoli può rivelarsi non come un grave ritardo da colmare ma una opportunità per proporre un modello alternativo di organizzazione del territorio.

Su questi temi l’IN/ARCH vuole stimolare un confronto tra le forze politiche, economiche e culturali del Paese per costruire insieme una visiondiversa di sviluppo.
Lo vuol fare ponendo questi interrogativi al centro del suo prossimo Congresso Nazionale che si terrà a Roma l’11 aprile 2018.
“L’Italia – afferma il Presidente IN/ARCH Adolfo Guzzini - è storicamente il paese delle 100 città : in gran parte città medio piccole, visto che solo 6 di esse superano i 500.000 abitanti. Anche sul piano dello sviluppo industriale il nostro Paese si è caratterizzato per una fortissima presenza di imprese medio-piccole, con insediamenti sparsi nel territorio, con sistemi di interrelazione dei processi produttivi organizzati in distretti e non concentrati intorno alle aree metropolitane. Per l’INARCH queste peculiarità possono trasformarsi in una opportunità: proporre un diverso modello di organizzazione del territorio caratterizzato non da grandi concentrazioni urbane ma da un forte policentrismo.”

Interverranno:
Adolfo Guzzini presidente nazionale IN/ARCH; Aldo Bonomi, Sociologo, direttore Consorzio A.A.Ster (Associazione Agenti Sviluppo Territorio); Gabriele Buia, Presidente ANCE; Carlo Calenda, Ministro dello Sviluppo Economico; Aldo Cibic, Fondatore Cibicworkshop; Antonio Decaro, Presidente Anci ; Carlo De Vito, Presidente di FS Sistemi Urbani; Irene Giglio, Architetto, MCA Mario Cucinella Architects - coordinatore del progetto per il Padiglione Italia, 16. Mostra internazionale di Architettura Biennale di Venezia; Carlo Modonesi, Docente di Ecologia umana, Università di Parma.

Considerato il rilievo dei temi trattati, sono stati richiesti al CNAPPC n. 4 CFP per Architetti, è obbligatoria la registrazione: https://www.inarch.it/congresso2018/

IN/ARCH Istituto Nazionale di Architettura - 00198 Roma, viale Gorizia 52
tel. +39 06 68802254 / www.inarch.it

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?