Quest’anno il progetto “Sole, vento e mare. Energie rinnovabili e paesaggio” amplia il proprio concorso d’idee anche alle aree marine protette italiane, che possono trasformarsi in laboratori naturali per l’utilizzo delle energie rinnovabili.

Concorso d idee Sole vento e mareNon solo quindi bellezza, ma modelli di eco-sostenibilità.

Ha Preso così il via l'Edizione 2011 del Concorso di idee internazionale “Le energie rinnovabili per le isole minori e le aree marine protette italiane”, promosso dall’associazione ambientalista MAREVIVO, dal CITERA (Centro di Ricerca Interdisciplinare Territorio Edilizia Restauro Ambiente) dell’Università di Roma La Sapienza, dall’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee, dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare - Segretariato Generale e dal GSE (Gestore dei Servizi Energetici).

Aperto a diverse categorie di partecipanti, il concorso ha come obiettivo quello di stimolare la ricerca di soluzioni progettuali che, nello stesso tempo, siano in grado di produrre energia termica e/o elettrica dalle fonti rinnovabili - sole, vento, geotermia, biomasse, maree, correnti e moto ondoso - e di rispettare l’ambiente, i caratteri tipologici dell’architettura propri del luogo e del paesaggio delle isole minori e delle aree marine protette italiane.

Scadenza per la presentazione degli elaborati: 9 gennaio 2012.

Tacola rotonda di presentazione (22 ottobre): Palazzo dei Congressi, Capri, via Sella Orta 3.
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?