Il Consiglio Nazionale del Notariato, insieme a 10 associazioni dei consumatori, ha pubblicato “La carta dei diritti del cittadino nei rapporti con il notaio“, per far conoscere le garanzie che il notaio deve offrire al cittadino nell’esercizio della sua funzione pubblica.

La "carta", che si compone di diverse sezioni, è disponibile per conoscere le garanzie offerte dalla prestazione del notaio ai diritti dei cittadini nei rapporti con il notaio e le sue responsabilità.
L'opuscolo ha lo scopo di informare il cittadino dei suoi diritti a tutela dei suoi beni e rendere trasparenti e facilmente comprensibili le garanzie offerte dall’atto pubblico nelle operazioni economiche che riguardano la famiglia, la casa, i mutui le successioni, ecc.

I diritti del cittadino

Il cittadino ha diritto che il notaio:
- accetti la richiesta delle parti di redigere un atto: non può rifiutare la sua prestazione se non nei casi espressamente previsti dalla legge (per esempio un atto illegittimo);
- garantisca assoluta indipendenza e imparzialità: non può mai fare l’interesse di una sola delle parti – anche quando è scelto da una di esse – ma deve evidenziare eventuali squilibri giuridici contrattuali;
- accerti la volontà e l’identità delle persone che intervengono in un atto e la loro capacità di compierlo;
- fornisca un preventivo di massima e, dopo aver acquisito la documentazione necessaria, un preventivo di spesa dettagliato dell’atto con indicazione separata delle singole voci: tasse, onorario e Iva. (È bene ricordare che le tariffe notarili sono state abrogate);
- verifichi la sussistenza di requisiti per eventuali benefici fiscali o evidenzi eventuali problemi giuridici e fiscali prospettando soluzioni alternative rispetto a quelle richieste;
- effettui i controlli presso i Pubblici Registri;
- verifichi, per quanto di sua competenza, che i beni siano commerciabili e quindi possano essere trasferiti;
- rispetti tutte le formalità per la validità dell’atto;
- legga integralmente l’atto pubblico davanti alle parti fornendo ogni chiarimento necessario e, una volta approvato, lo faccia sottoscrivere dalle parti alla sua presenza; - registri l’atto presso l’Agenzia delle Entrate e paghi le relative imposte e tasse per conto del cliente;
- depositi l’atto nei Pubblici Registri nei termini previsti dalla legge;
- garantisca l’assoluta riservatezza, sua e dei suoi collaboratori, sugli atti stipulati e sulle informazioni comunicate;
- fornisca una copia conforme del contratto sottoscritto;
- emetta fattura per il compenso corrisposto con l’indicazione dettagliata delle singole voci.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?