Grave la situazione dei compensi professionali, le pubbliche amministrazioni continuano a pagare in ritardo, ma fortunatamente le nuove modalità per la liquidazione delle future prestazioni delle gare pubbliche stanno dando i primi risultati.

Il via libera ai parametri-bis per calcolare i corrispettivi da porre a base di gara nell'affidamento dei servizi di ingegneria e architettura, dopo l’abolizione delle tariffe professionali, avviato con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (n. 298 del 20 dicembre 2013) del Decreto del Ministero della Giustizia n. 143/2013, sta trovando un buon riscontro da parte dei tecnici e di tutti i diretti interessati.

Si sta concludendo una grave situazione di incertezza e confusione perché tutte le Amministrazioni, con l'applicazione del suddetto decreto, sono tenute a comportarsi uniformemente e, quindi, tutte le gare relative all'affidamento di servizi tecnici dovranno riportare importi a base d’asta predeterminati con l’applicazione dei parametri individuati.

Per agevolare anche la "trasparenza" di questo importante settore delle costruzioni, i Consigli Nazionali degli Architetti e degli Ingegneri hanno affidato alla software house Blumatica la realizzazione di un download gratuito scaricabile dai siti www.awn.it, www.tuttoingegnere.it e www.blumatica.it, quale ausilio per la determinazione dei corrispettivi.

Si tratta del software Blumatica Corrispettivi OP, che guida alla corretta determinazione dei compensi da porre a base delle gare di progettazione in base alle nuove tabelle del suddetto Decreto Parametri (Dm n. 143/2013).

Corrispettivi OP è semplice da usare: il software determina il corrispettivo, costituito dal compenso e dalle spese ed oneri accessori, che viene determinato in funzione delle prestazioni professionali relative ai predetti servizi ed applicando il parametro “V” (corrispondente al costo delle singole categorie componenti l’opera), il parametro “G” (corrispondente al grado di complessità delle prestazioni), il parametro “Q” (corrispondente alla specificità della prestazione) distinto in base alle singole categorie componenti l’opera e il parametro base “P”.

Una volta effettuato il calcolo dei compensi e delle spese ed oneri accessori, il software permette di stampare un elegante documento contenente la distinta analitica di tutti i dati ed i passaggi necessari per la formazione del Corrispettivo finale.

Arch. Francesca Giara

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?