La rinascita della Città della Scienza, a Napoli, è intrapresa anche con l'esito del buon concorso di progettazione, dopo l’incendio doloso subito nel marzo del 2013.

prima del rogo

Le proposte progettuali, pervenute da tutto il mondo (Italia, Francia, Germania e Giappone), sono state quasi un centinaio e solo 15 sono entrate di diritto nella seconda fase del bando, conclusasi a maggio scorso.

Andrea Tomasi, presidente della Fondazione Inarcassa (che dopo l'incendio ha voluto dare il proprio contributo solidale, occupandosi della redazione del bando e del finanziamento dei premi) ha commentato positivamente i risultati del concorso: "Questo concorso ha ottenuto risultati ben oltre le aspettative poste. Tutti i progetti ricevuti sono stati di qualità superiore e rispondenti a quanto richiesto dalla committenza, nonché molto apprezzati dalla commissione giudicatrice. In particolar modo, sono felice che a vincere sia stato un progetto i cui artefici sono due giovani architetti."

Ad aggiudicarsi il primo posto infatti, con un premio in denaro pari a 65mila euro, oltre all'incarico del progetto definitivo, sono gli architetti Valerio Ciotola e Andrea Guazzieri, che hanno partecipato alla selezione pubblica e anonima in squadra con "Stige & partners srl", "Icaro srl", "Dinamicamente architetti", Nicola Marchetti, Alfredo Postiglione, Salvatore De Lucia.

A settembre ci sarà una mostra con tutti i progetti del concorso, il progetto definitivo arriverà entro la fine di quest'anno, poi ci sarà la conferenza dei servizi e quindi il bando di gara e l'avvio dei lavori. La previsione ottimistica è che nel 2018 ci potrebbe essere anche la conclusione dei lavori.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?