Il Consiglio nazionale degli ingegneri (CNI), facendo seguito ad una precedente circolare dell'agosto scorso, intende procedere alla definizione completa degli standard prestazionali legati allo svolgimento della libera professione di ingegnere.

Con la circolare n. 637/2015, il Consiglio Nazionale ha ricordato che "gli standard definiscono azioni, strumenti e comportamenti finalizzati a garantire prestazioni di qualità a vantaggio sia dei liberi professionisti che dei loro committenti; inoltre
rappresentano uno strumento utile alla valutazione e alla verifica del livello qualitativo delle prestazioni erogate, che gli Ordini territoriali degli Ingegneri sono chiamati a svolgere a seguito all'abrogazione delle tariffe professionali."


Il CNI, volendo quindi individuare i comparti di specializzazione sui quali implementare una sperimentazione, ha invitato a tale scopo gli Ordini territoriali a segnalare alla Segreteria del CNI comparti di specializzazione in campo ingegneristico, per i quali sia ritenuto prioritario svolgere l'attività di definizione degli standard prestazionali.

Con successiva Circolare il CNI comunicherà i comparti che saranno oggetto di standardizzazione. Si chiederà contestualmente di segnalare gli esperti che, opportunamente selezionati, potranno prendere parte ai gruppi di lavoro in sede CNI-UNI.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?