La Giunta della Regione Lazio ha approvato il Protocollo ITACA 2009 (Istituto per l’Innovazione e Trasparenza degli Appalti e la Compatibilità Ambientale) per gli edifici residenziali e non ed ha adottato il Regolamento Regionale per il “Sistema per la Certificazione della sostenibilità ambientale degli interventi di bioedilizia e l’accreditamento dei soggetti certificatori”.

Certificazione della bioedilizia lazialeIl Protocollo Itaca era stato presentato nel 2004  dal Gruppo di Lavoro Interregionale in materia di bioedilizia, che lo proponeva come sistema di valutazione della sostenibilità energetico-ambientale.

La Regione Lazio dà così attuazione a quanto stabilito dalla Legge Regionale n. 6 del 27 maggio 2008 recante "Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia".

Il Protocollo ed il Regolamento Regionale forniscono le linee guida in materia di edilizia sostenibile specialmente riguardo alle modalità, procedure e tempi per la richiesta e il rilascio della certificazione di sostenibilità degli edifici; per l'effettuazione dei controlli sugli interventi edilizi; così come forniscono il sistema di accreditamento dei soggetti che possono rilasciare il Certificato di Sostenibilità Ambientale degli edifici, individuandone anche i requisiti professionali e le modalità di controllo sull'attività di certificazione.

Il sistema di certificazione si riferisce a 5 aree: qualità del sito (livello di urbanizzazione); consumo di risorse (energia non rinnovabile richiesta durante il ciclo di vita, uso di materiali eco-compatibili e forniti da filiera corta locale); carichi ambientali (emissioni di CO2, impatto sull’ambiente circostante); qualità ambientale indoor (benessere termoigrometrico/visivo/acustico, inquinamento elettromagnetico); qualità del servizio (mantenimento delle prestazioni in fase operativa).

La regione Lazio ha affidato al CITERA (Centro di Ricerca Interdisciplinare Territorio Edilizia Restauro Ambiente) dell’Università di Roma La Sapienza gli aspetti più tecnici della valutazione degli impatti ambientali dei progetti edilizi.

M.C.
da: www.occhiodelriciclone.com
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?