Ormai per qualsiasi trasferimento immobiliare è necessaria la predisposizione dell'Attestato di Prestazione Energetica, il famoso documento cosiddetto APE.
Cambiano soltanto le norme da rispettare in fase di redazione dell'atto notarile.

L'attestazione energetica è richiesta nei seguenti casi :
- Compravendita: trasferimenti a titolo oneroso (es. rogito, permuta)
- Donazione: trasferimenti a titolo gratuito
- Affitto di edifici o singole unità immobiliari
- Annunci di vendita o affitto di unità immobiliari
- Edifici di nuova costruzione al termine dei lavori.
- Ristrutturazione.

Il nuovo comma 2 dell'articolo 6, Dlgs 192/2005, prescrive -quindi- che il proprietario debba produrre l'attestato di prestazione energetica, nel caso di trasferimento di immobili a titolo gratuito, di vendita o di nuova locazione di edifici o unità immobiliari, ove l'edificio o l'unità non ne sia già dotato.

Il successivo comma 3 prescrive, invece, per i contratti di compravendita immobiliare e negli atti di trasferimento di immobili a titolo oneroso (non anche in caso di donazione), l'obbligo di allegare copia dell'attestazione di prestazione energetica e quello di inserire un'apposita clausola con cui la controparte dichiara di aver ricevuto le informazioni e la documentazione, comprensiva dell'attestato, in ordine all'attestazione della prestazione energetica degli edifici.

Fonte: Fiscooggi

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?