Si è svolta venerdì 8 settembre, al MUSEION di Bolzano, la quindicesima edizione della premiazione dei CasaClima Awards 2017 per le migliori realizzazioni certificate durante il 2016: sono stati premiati 5 progetti vincitori espressi da una giuria tecnica più un sesto a cui è andato il riconoscimento speciale del pubblico.

Anche quest’anno l’Agenzia CasaClima con la consegna dei “cubi d’oro” ha voluto valorizzare e divulgare le buone pratiche del costruire quotidiano attraverso una selezione di edifici su tutto il territorio nazionale. Scelti tra una rosa di 1390 edifici certificati nel 2016 queste realizzazioni al di là dello stile architettonico o della scelta dei materiali costruttivi, si sono distinte per la capacità di coniugare il controllo dei consumi di energia, la salubrità e il comfort indoor, il rispetto l’ambiente, l’innovazione con le libertà progettuali e le scelte costruttive dei committenti e dei tecnici.

Ad aprire la manifestazione dopo il saluto di benvenuto dell’assessore all'Ambiente della Provincia di Bolzano Richard Theiner,e del direttore dell’Agenzia CasaClima Ulrich Santa, il direttore del CRESME Lorenzo Bellicini ha offerto interessanti spunti di riflessione sull’attuale situazione dell’edilizia in Italia.

A fare da padrona di casa l’arch. Chiara Tonelli che ha condotto la serata dando spazio ai sei progetti vincitori introdotti da speciali ospiti d’onore.

Per l’attento lavoro di risanamento energetico, rispettoso dei caratteri tipici dell’architettura rurale alpina, l’assessore Theiner ha consegnato il primo cubo ai proprietari del maso Saxer (KUP architetti) di Vipiteno.

Al resort Gallo Senone (Battistelli Roccheggiani Architetti) di Senigallia sono andate le lodi della giuria e del laudatore Bellicini per le scelte costruttive e gestionali rispettose dell’habitat e delle tradizioni locali attraverso il percorso di certificazione ClimaHotel.

Uno dei premi è stato assegnato alla casa IF (forer°unterpertinger architetti) di Brunico per l’elevato standard costruttivo, come ha evidenziato il direttore tecnico Ulrich Klammsteiner, e per la qualità degli ambienti interni che ne fanno un tipico esempio di CasaClima A.

La giuria ha inoltre assegnato il premio, consegnato dall’arch. Gianni Izzo, presidente del CasaClima network Piemonte –Valle d’Aosta, alla scuola d’infanzia Levaldigi (Geom. Federica Brizio) a Savigliano (CN) per aver saputo raggiungere le prestazioni ambientali ed energetiche richieste dalla certificazione CasaClima School R in un edificio degli anni venti.

L’onorevole Luisa Gnecchi è stata l’ambasciatrice dell’ultimo premio della giuria assegnato al convitto Fürstenburg (Arch. Werner Tscholl) a Burgusio (BZ) oltre che per le qualità energetica e architettonica dell’edificio anche per l’innovativa collaborazione tra la Provincia e imprese private (modello PPP - Public Private Partnership).

Momento particolarmente atteso la proclamazione del Premio del Pubblico assegnato per il quarto anno consecutivo attraverso un sondaggio online tra una rosa di 25 edifici selezionati andato all’edificio Case di Luce(Pedone Studio) a Bisceglie (BA).

Visitando il sito www.casaclima-awards.it è comunque possibile conoscere e approfondire le caratteristiche tecniche degli edifici finalisti e dei vincitori.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?