Dal 14 ottobre 2010 al 16 gennaio 2011, al Triennale Design Museum di Milano, è in programma la mostra “Anticorpi. Antibodies. Fernando e Humberto Campana 1989-2010”.
L’esposizione è una produzione del Vitra Design Museum di Weil am Rhein in Germania e arriva in Italia per la prima volta.

Arredamento e design Anticorpi AntibodiesAlcune aziende del design made in Italy hanno accolto le creazioni di Fernando e Humberto, come nel caso di Edra che ha industrializzato pezzi di design divenuti famosi: le poltroncine Favela e Vermelha, la lampada da soffitto Campana, le due poltrone Corallo e il contenitore “oro” Scrigno.

Altro importante marchio italiano è Alessi che ha prodotto, a firma dei due designer brasiliani, pezzi come il cestino Blow Up, realizzato con piccole assi di acciaio assemblate in maniera casuale.

Le opere in mostra si sviluppano lungo un percorso espositivo, curato da Mathias Schwartz-Clauss, diviso in sezioni.
La prima si intitola “Frammenti” e accoglie le prime opere; la seconda è “Ibridi” nella quale sono raccolti lavori che combinano tra loro diversi materiali come la sedia-scultura in vimini e cristalli, ideata nel 2008 in occasione per Design Miami e il tappeto Animado ideato nel 1997 in pelle di mucca e erba sintetica.
La terza sezione, “Objets trouvés”, è dedicata a lavori particolarmente influenzati dal surrealismo, mentre la quarta, “Linee morbide/linee rette”, ospita mobili e accessori che si rifanno al paesaggio Brasiliano.
Le altre sezioni sono “Organics”, opere ispirate a creature viventi, “Flexed Planes”, con lavori realizzati negli anni '90, “Paper Pieces”  con lavori di cartone ondulato, e “Cluster”, nuovi materiali di riciclaggio recuperati dalle strade di San Paulo.
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?