Nell'ambito delle iniziative culturali e formative di Abitare il Tempo (24-27 settembre 2014) si inserisce il progetto "Oltre la decorazione, Venezia laboratorio creativo dal passato al presente" che comprende una mostra e un convegno ideati e organizzati da ADI in collaborazione con la fiera di Verona.

Il tema della decorazione e delle finiture d’interni per l’arredo sarà affrontato attraverso un approccio originale ed evocativo ispirato alla città lagunare. A Venezia, infatti, le arti decorative sono l’espressione dell’intreccio di saperi e di antichi mestieri. Nel tempo si sono mescolati segni e colori e con l’interpretazione di artisti, artigiani, mercanti ed esteti sono stati creati prodotti che hanno arredato le dimore delle genti del mondo. In un salto temporale dal passato al presente oggi il progettista ha a disposizione materiali antichi e moderni con la possibilità di trasformarli in elementi decorativi di interior design.

Grazie dunque ad alcune celebri rappresentazioni del paesaggio urbano veneziano e partendo da ciò che questi dipinti possono raccontare in termini di colori, vibrazioni, forme, emozioni, si potrà trarre ispirazione per comporre una palette di materiali e/o prodotti, individuando una proposta espositiva da sviluppare in collaborazione con prestigiose aziende del settore. Saranno dunque mostrati elementi decorativi e rivestimenti, dai tessuti ai tasselli di mosaico in vetro, metallo o marmo, dalle pietre naturali in generale ai colori e alle lacche, dal legno in tutte le essenze alle diverse finiture e lavorazioni realizzate in altri materiali innovativi e di sperimentazione. A questo lavoro di ricerca sarà inoltre dedicato un convegno che raccoglierà le testimonianze e le esperienze di aziende, architetti e designer coinvolti nel progetto.

La decorazione potrà così essere interpretata attraverso il realismo del colore di Giorgio De Chirico, le trasparenze e le sfumature di William Turner, il mix di elementi orientali e occidentali di John Ruskin, i colori vibranti di Filippo De Pisis, i riflessi di Maurice Prendergast in un percorso ideale che abbraccia arte e design, tradizione e modernità e che, partendo dall'edizione 2014 di Abitare il Tempo, andrà a svilupparsi negli anni successivi grazie all'interpretazione delle opere paesaggistiche che ritraggono altre città del mondo.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?