Eduardo Souto De Moura, con studenti

L’architetto portoghese Eduardo Souto De Moura, premio Pritzker 2011, terrà una lectio magistralis per l’inaugurazione del nuovo corso interscuola in Progettazione dell’Architettura (corso triennale tra le Scuole di Architettura e Società e Architettura Civile).

Non una lezione occasionale, ma l’inizio di una solida collaborazione. Souto de Moura diventa infatti da quest’anno docente ordinario di composizione architettonica al Politecnico di Milano, polo territoriale di Mantova, grazie alla scelta dell’ateneo di investire progressivamente risorse nell’internazionalizzazione della sua facoltà.

Durante la sua lectio l’architetto presenterà al pubblico i suoi progetti più recenti, fra i quali ricordiamo anche il Padiglione galleggiante sul lago di Mezzo a Mantova per EXPO2015, frutto di un lavoro di gruppo in un workshop internazionale con gli studenti del Politecnico.

Mercoledì 5 novembre 2014, Ore 10.30, Politecnico di Milano, Edificio Trifoglio

Curriculum vitae

Eduardo Elísio Machado Souto de Moura (Porto, 25 luglio 1952) è un architetto portoghese.
Ha studiato alla Scuola di Belle Arti dell'Università di Porto, laureandosi nel 1980. Nello stesso anno, dopo una collaborazione con Alvaro Siza, avvia la propria attività di architetto, subito segnalata dalla critica per l'originalità con la quale interpreta la lezione dei maestri della scuola portoghese.

Nel suo lavoro emerge il sapiente utilizzo di tecniche costruttive tradizionali, declinate attraverso un linguaggio formale dal timbro essenziale, sensibile "all'ascolto" del contesto storico, sociale ed economico dei luoghi che il progetto di architettura è chiamato a trasformare. La cura dell'inserimento nel paesaggio, la conoscenza della "natura dei materiali" e la relazione con le preesistenze storiche sono, quindi, i caratteri più singolari e apprezzati delle sue costruzioni, sempre sottoposte alle verifiche della vita quotidiana. Non a caso, nell'opera di Souto de Moura, il pensiero e la pratica dell'architettura maturano in un confronto continuo con le esigenze degli abitanti, secondo un indirizzo avviato nell'esperienza compiuta presso le SAAL (Servic?o Ambulatorio de Apoio Local), i gruppi nati per risolvere l’emergenza abitativa nelle citta? portoghesi, entro cui si sperimentano nuove forme di collaborazione tra le cooperative di inquilini e i progettisti per la realizzazione di alloggi popolari.

Dal 1981 al 1990, Souto de Moura è stato assistente alla sua università, per poi diventare professore alla Facoltà di Architettura dello stesso Ateneo. Ha inoltre insegnato architettura a Ginevra e Losanna, Parigi-Belleville, alla Harvard University, alla ETH di Zurigo e all'Accademia di Architettura di Mendrisio.

Dagli anni Ottanta ad oggi, ha progettato e realizzato numerosi edifici in Portogallo, Spagna, Italia, Germania, Belgio, Regno Unito e Svizzera, oggetto di numerose pubblicazioni e mostre. Tra i premi e i riconoscimenti ricevuti dall'architetto portoghese vi è anche il prestigioso "Pritzker Architecture Prize", la più alta e qualificata onorificenza internazionale nel campo dell'architettura, a lui assegnata nel 2011.

Attualmente, Eduardo Souto de Moura ha in corso di realizzazione il progetto per la Stazione di piazza Municipio della Metropolitana di Napoli, firmato con Alvaro Siza.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?