Dal 26 al 31 dicembre 2009, presso la Sala espositiva San Domenico a Pesaro, saranno esposti i lavori dell'associazione "Architetti Senza Frontiere Italia", che opera in tutto il mondo nell'ambito della solidarietà sociale.

Architetti senza frontiereNata a Milano nel 1998 dall'iniziativa di un gruppo di giovani professionisti, dopo aver sottoscritto la Carta di Barcellona, è parte di una rete internazionale  composta da diversi gruppi (ONG, ONLUS , Associazioni non profit) in Europa e nel Mondo con affini finalità in ambito di cooperazione allo sviluppo. L'associazione, infatti, persegue per statuto finalità di solidarietà sociale nella "cooperazione allo sviluppo per promuovere iniziative di studio, ricerca, progettazione e gestione finalizzate allo sviluppo sostenibile di aree territoriali critiche; sensibilizzazione dell'opinione pubblica sui problemi relativi ai paesi in via di sviluppo; valorizzazione delle risorse locali".

L'iniziativa è proposta da "A+", associazione culturale di giovani architetti della provincia di Pesaro e Urbino, al fine di promuovere il dibattito architettonico nel territorio, portando a Pesaro la testimonianza di chi pensa l’architettura con particolare sensibilità verso le differenti tradizioni e le necessità delle popolazioni locali. Questo vuol dire porre attenzione particolare alla qualità e sostenibilità dell’ambiente, del territorio, della cultura del vivere e della storicità del costruire.

Tra i lavori esposti a Pesaro ci sono oltre a quelli in Italia: una scuola di veterinaria in Algeria, Housing sociale in Ghana, un progetto di riqualificazione del patrimonio culturale dell’oasi di Figuig in Marocco, altri progetti in Burkina Faso, in Messico, in Perù, in Kenya.

Nell'ambito della manifestazione, domenica 27 Dicembre 2009 è previsto un incontro sul progetto in corso di realizzazione nella Repubblica Democratica del Congo. La relazione è affidata all'arch. Michelangelo Pavia, responsabile del progetto della costruzione di un complesso scolastico e la messa in sicurezza di un quartiere di Badiadingi a Kinshasa.
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?