Si avvicina il momento dell'inaugurazione del fantasioso museo, firmato dall'architetto Renzo Piano, che sorge tra le montagne del Trentino dov'era l'area industriale Michelin. Il taglio del nastro avverrà sabato 27 luglio alle ore 20,00.

Il MUSE, foto di Fabio Pupin
Il museo, plastico di progetto

Il MUSE (acronimo di MUseo delle ScienzE) è un centro di diffusione della cultura scientifica di ultima concezione, che affiancherà al tradizionale interesse per la storia naturale e la ricerca, tipica di ogni istituzione legata alle scienze e alla natura, un’attenzione particolare nei confronti di tematiche etiche e sociali e di questioni attuali come l’ecologia e lo sviluppo sostenibile.

La struttura del museo (che si snoda su cinque complessi livelli) è collocata in un grande parco urbano ed è stata pensata per raccontare in modo accattivante la storia del pianeta Terra in modo da esaudire non solo le aspettative degli adulti, ma anche con un'attenzione particolare verso i bambini.

Dopo dieci lunghi anni di lavoro (12.000 metri quadri di museo per 70 milioni di euro ) si potrà ammirare una struttura molto avanzata dal punto di vista ecosostenibile con strumenti di approvvigionamento energetico che sfruttano diverse tecniche, dal solare al geotermico.
La stessa forma delle facciate e degli ambienti interni, frastagliati e aguzzi, richiamano visibilmente lo skyline alpino che circonda la città di Trento.

Al MUSE si potranno vivere gli scenari del futuro e rivedere quelli del passato. Non esistono vetrine al Muse ma il visitatore è al centro della mission MUSE: si va dal bosco interattivo per far scoprire ai più piccoli i segreti della natura fino alle stampanti 3D in cui ognuno può contribuire a dare la sua visione di un mondo ecosostenibile.

Una volta oltrepassato l’ingresso, il visitatore è protagonista di un viaggio sensoriale a 360 gradi. Verranno stimolati tutti i sensi per un'esperienza a tuttotondo: sentire l'aria fredda, toccare il ghiaccio, annusare i profumi del bosco, studiare da vicino insetti e animali, ascoltare i rumori della montagna e osservare un’orma di dinosauro.

Tra le novità del Muse è la presenza del primo FabLab italiano, uno spazio dove i visitatori potranno apprendere come sviluppare i propri progetti, come lavorare con l’elettronica e l’informatica integrando dati e design, bit e atomi.

Il museo "MUSE" si trova a Trento in Corso del Lavoro e della Scienza 3, una via nuova del quartiere Le Albere, lungo il fiume Adige.

Arch. Maria Renova

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?