La ‘Torre' futura sede Unica della Regione Piemonte doveva già essere completata da tempo, e a costi molto inferiori.
Ma ormai non fa più notizia vedere come in Italia si continuano a fare accordi "cosiddetti bonari".

Aveva fatto molto discutere la triste vicenda scoppiata tra il politico Sergio Chiamparino (PD), presidente della Regione Piemonte dal 9 giugno 2014, e il famoso architetto Massimiliano Fuksas, il tanto richiesto (sempre dalla sinistra) Professionista che entrava in collisione con i vertici regionali per problemi economici e di parcelle.

Come si è letto sulla stampa "Fuksas prendeva le distanze dal modo in cui veniva realizzata la sua creatura: i materiali, i pannelli, i pilastri, persino i pavimenti erano diversi da come li aveva concepiti."
Ma non basta, scoppiata la vicenda, interveniva la Corte dei Conti, e poi anche la Procura della Repubblica con indagini sulle tante varianti in corso d’opera e i numerosi subappalti.

Alla fine sembrava che tutto confluisse in una battaglia giudiziaria sulle parcelle:
- l’archistar (dopo un altro accordo) chiedeva quasi 4 milioni di ulteriori compensi professionali (oltre ai 22 già versati);
- la Regione rispondeva con una citazione per ben 14 milioni di danni.

Non se ne è più saputo nulla !!!
La causa giudiziaria era finita alla prima sezione civile del Tribunale di Torino, e l'altro giorno avveniva una 'stretta di mano' tra i due attori: davanti al giudice si eseguiva una "conciliazione". Pace fatta. Accordo fatto.

Ai cittadini rimangono le dichiarazioni dei rispettivi attori di una vicenda che sembra ridicola:
- "Ognuno ha rinunciato alle sue pretese - ha detto Fuksas fuori dall’aula - e ora continuerò a mantenere gratuitamente la direzione artistica fino alla fine dei lavori: è un regalo che ho deciso di fare ai piemontesi".
- Chiamparino (che ha fatto marcia inietro) aggiunge "in considerazione dell’importanza del progetto, del suo rilievo pubblico e della coerenza con la progettazione".

Arch. Lorenzo Margiotta

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?