La Commissione Europea, di concerto con la Banca europea per gli investimenti, ha redatto un importante documento circa gli orientamenti da seguire per i funzionari responsabili degli appalti pubblici finanziati dai Fondi strutturali e d’investimento europei.

La Guida UE fornisce istruzioni su come evitare gli errori spesso riscontrati negli appalti pubblici relativi ai progetti cofinanziati.

L'obiettivo è quello di agevolare l'attuazione dei programmi operativi e incoraggiare l'adozione di buone prassi.

Il documento però non fornisce indicazioni giuridicamente vincolanti ma è finalizzato a fornire raccomandazioni generali e a illustrare le migliori prassi.
I concetti, le idee e le soluzioni proposte negli orientamenti UE non pregiudicano, infatti, la legislazione nazionale e possono essere adeguati tenendo conto del quadro giuridico nazionale.

Negli Stati membri i progetti cofinanziati dai fondi UE devono essere conformi alle norme applicabili in materia che garantiscono un buon rapporto qualità/prezzo e una leale concorrenza sul mercato.

La Guida si divide in due parti:
- gli orientamenti, suddivisi nelle sei fasi della procedura di appalto pubblico, dalla pianificazione all'esecuzione dell'appalto, che evidenziano le questioni a cui prestare attenzione e i potenziali errori da evitare, con rimandi ad uno strumento più dettagliato;
- lo strumentario, comprendente documenti di riferimento che affrontano argomenti specifici in modo più approfondito che illustrano esempi di buone prassi su cosa fare e cosa non fare nel ciclo dell'appalto.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?