Le Federazioni Regionali Ordini Ingegneri dell'Emilia Romagna e della Toscana, hanno evidenziato i compiti del del coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione (CSE) dei lavori nei cantieri edili nel documento "Linee guida per il coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione dei lavori".

Questo importante e delicato ruolo nei cantieri temporanei e mobili è diventato un compito arduo e difficile per tutti i professionisti che si cimentano in tali responsabilità.
Quella del coordinatore della sicurezza è, infatti, una figura professionale importantissima durante i "lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione, risanamento, ristrutturazione, rinnovamento o smantellamento di opere fisse (permanenti o temporanee), in muratura, in cemento armato, in metallo, in legno o in altri materiali" (Testo unico Allegato X).

Il CSE è una figura chiave, che si trova nella posizione di filtro, tra i committenti e i progettisti ai quali spetta la prima e indispensabile pianificazione e organizzazione della sicurezza in cantiere, le ditte esecutrici e gli operai.

Il documento delle Federazioni degli Ingegneri suddetti si sofferma, quindi, sui compiti di alta vigilanza del Coordinatore, sulla presenza in cantiere, i documenti da verificare e compilare, le riunioni e i sopralluoghi indispensabili per poter fare prevenzione in un comparto purtroppo ancora soggetto a troppi infortuni.

Le Linee Guida, nella premessa, chiariscono che la funzione del CSE è di “alta” vigilanza in termini di coordinamento delle imprese; mentre la vigilanza “operativa”, la puntuale, continua e stringente vigilanza è compito del datore di lavoro e delle figure operative da lui delegate quali il dirigente ed il preposto.

Il Documento dice anche che "le omissioni derivanti dagli accadimenti estemporanei che scaturiscono nel corso dello sviluppo dei lavori non rientrano nella sfera di controllo del CSE", ad eccezione di quanto rilevabile direttamente da quest’ultimo
nell’ambito delle visite e dei sopralluoghi effettuati presso il cantiere.

Ma ciò risulta in evidente contrasto con quanto pensano gli ispettori che vanno nei cantieri a controllare il rispetto delle buone norme di sicurezza: per loro -detto sempre esplicitamente- la responsabilità del CSE è sempre costante e presente in ogni momento dello svolgimento dei lavori.

Rimandiamo quindi ai nostri lettori una attenta e puntuale lettura delle Linee Guida, qui allegate, che riporta in allegato anche un elenco (non esaustivo) della documentazione da tenere in cantiere.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?