L’ultima guida dell’Agenzia delle Entrate (febbraio 2017) riporta tutti gli aggiornamenti sulle ristrutturazioni edilizie e gli interventi di adozione di misure antisismiche.

Tra le regole e le modalità da seguire per poter accedere ai vari bonus aggiornati dalla Legge di bilancio 2017 ci sono:
- proroga della maggiore detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio,
- nuove regole per la detrazione delle spese sostenute per l’adozione di misure antisismiche,
- proroga delle detrazioni per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici,
- agevolazioni sull’acquisto del box o posti auto,
- beneficiari del diritto alle detrazioni,
- pagamenti mediante bonifico.

L’agevolazione fiscale sugli interventi di ristrutturazione edilizia consisteva in una detrazione dall’Irpef del 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare.
Attualmente le spese effettuate possono usufruire di una elevazione al 50% della misura di detrazione e a 96.000 euro l’importo massimo di spesa ammessa al beneficio, fino al 31 dicembre 2017, grazie alla legge di bilancio 2017.
Dal 1° gennaio 2018 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare.

Inoltre, riguardo alle spese sostenute per interventi di adozione di misure antisismiche, la legge di bilancio 2017 ha previsto, oltre alla proroga delle detrazioni fino al 31 dicembre 2021, nuove e più specifiche regole per poterne usufruire, differenziandole a seconda del risultato ottenuto con l’esecuzione dei lavori, della zona in cui si trova l’immobile e della tipologia di edificio.

A differenza della precedente normativa, per esempio, dal 2017 l’agevolazione riguarda non soltanto gli edifici che si trovano nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) ma anche quelli situati nelle zone a minor rischio (zona sismica 3). Inoltre, la detrazione può essere ripartita in 5 quote annuali e riguarda tutti gli immobili abitativi e non soltanto quelli adibiti ad abitazione principale o ad attività produttive.

La legge di bilancio 2017 ha infine prorogato la detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), finalizzati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione.
Per questi acquisti sono detraibili le spese documentate e sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2017.
Dal 2017, tuttavia, la detrazione è consentita solo se l’intervento di ristrutturazione edilizia è iniziato in data non anteriore al 1° gennaio 2016.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?