Le norme nazionali prevedono (già dal 2012) per gli esercenti professioni regolamentate l’obbligatorietà della formazione continua permanente, la cui violazione costituisce illecito deontologico passibile di procedimento disciplinare.
A seguito di tali norme, gli ordinamenti delle varie professioni si sono adeguati emanando codici di autoregolamentazione che disciplinano la concreta attuazione dell’obbligo formativo.

Il triennio formativo costituisce il riferimento temporale per tutti gli iscritti agli ordini professionali, anche ai fini dell’applicazione delle eventuali sanzioni disciplinari in caso di inottemperanza.

Dopo un primo triennio di applicazione di tali norme (2014-2016), è stata avvertita la necessità di un aggiornamento per inserire alcune modifiche indispensabili ad una corretta gestione e fruizione dei Crediti formativi professionali (CFP).
L’obiettivo resta sempre quello di garantire la qualità e l'efficienza della prestazione professionale, nel migliore interesse del committente e della collettività, per conseguire il fine dello sviluppo professionale e quindi curare il continuo e costante aggiornamento della competenza professionale dei tecnici italiani.

Il Consiglio Nazionale Ingegneri, con Circolare n. 834 del 29 novembre 2016, ha comunicato che dal 05/12/2016 e fino al 31 marzo 2017 sarà possibile compilare l'autocertificazione per il rilascio dei 15 CFP dovuti per aggiornamento informale legato all'attività professionale svolta nell'anno 2016.
Nello stesso periodo sarà possibile inoltrare le istanze di riconoscimento per CFP Informali per le seguenti attività svolte nell'anno 2016: partecipazioni a commissioni o gruppi di lavoro, concessione brevetti, pubblicazioni ed articoli, partecipazioni a commissioni per esami di stato.

Il Consiglio Nazionale Architetti, a seguito di alcune inevitabili difficoltà oggettive, legate all’attivazione degli eventi ed attività formative che sono andate realmente a regime solo nel corso del 2016, ha deliberato (nella seduta del 21.12.2016 ) alcune modifiche per il triennio 2017-2019.
I Crediti Formativi Professionali da acquisire sono limitati a 60, di cui almeno 12 crediti formativi professionali derivanti da attività di aggiornamento e sviluppo professionale continuo sui temi della deontologia e delle discipline ordinistiche e che la verifica di tali crediti debba essere effettuata su base triennale.

Per il Consiglio Nazionale dei Geometri, invece, va ricordato che ha adottato il proprio "Regolamento per la formazione professionale continua” nel 2014, a far data (per tre anni) dall’ 1.1.2015.
Ma per dar seguito a varie richieste pervenute, il Consiglio Nazionale Geometri ha emesso la Circolare n.449/2017 dal titolo “Attribuzione di CFP a seguito di adesione del professionista a progetti di alternanza scuola-lavoro (come previsto dalla legge 13 luglio 2015 n. 107)”, chiarendo che i ruoli che il professionista geometra può assumere sono di “docente tutor interno” e “tutor esterno”.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?