L'azienda svizzera Societè de l'eau aérienne Suisse (Seas) ha presentato all'Expo 2015
una nuova tecnologia per produrre acqua potabile dall'aria.
Si fa più vicina, quindi, l'epoca in cui le case saranno veramente autosufficienti.

"Air to Water to Air" non è soltanto una macchina che può produrre acqua potabile assorbendo e trasformando l'umidità presente nell'aria, è principalmente un nuovo sistema (sviluppato in collaborazione con l'Università di Pavia) in grado di trasformare acqua di alta qualità dall’aria perchè, con l'aggiunta di sali minerali, si può raggiungere fino a 10mila litri di acqua potabile al giorno.

Durante l’edizione 2015 della Giornata Mondiale dell’Acqua, che aveva come tema centrale "acqua e sviluppo sostenibile", con particolare riferimento al crescente problema dell’acqua potabile, proprio l’ONU aveva sottolineato come il rischio per l’umanità sia la perdita del 40% delle riserve idriche entro il 2030.

E questa tecnologia è la ottimale risposta alla carenza di una delle risorse più importanti di tutto il pianeta: l’acqua.

Le applicazioni di questa tecnologia sono praticamente infinite perché si può infatti ottenere acqua potabile di elevata qualità, ma anche acqua basic (per industria, agricoltura e serre, allevamento, terziario, acqua sanitaria, piscine), oppure acqua distillata per uso alimentare, farmaceutico, ospedaliero.

"La tecnologia è frutto di oltre quattro anni di ricerca e sviluppo e garantisce un impatto ambientale basso o nullo - dice Anna Magrini, docente di Idraulica, Ambientale ed energetica dell'Università di Pavia - non rilascia impurità nell'ecosistema locale e offre una fonte illimitata e inesauribile di acqua potabile".

Il sistema Seas

Il sistema (già in uso in alcuni paesi africani e dell'America Latina, negli Emirati Arabi e in Libano) è formato da 3 moduli: il primo contiene l'unità di trattamento dell'aria, il secondo l'unità refrigerante, il terzo il gruppo elettrogeno, le parti elettroniche e l´unità di trattamento dell´acqua.

Ecco come funziona:
. L'aria ambientale viene filtrata;
. L'aria filtrata passa attraverso un'unità di recupero calore subendo un trattamento di pre-raffreddamento;
. Il vapore acqueo presente nell'aria viene condensato in una batteria di raffreddamento dove raggiunge il "punto di rugiada", viene raccolto in un bacino di stoccaggio e in seguito pompato verso il sistema di trattamento dell´acqua integrato;
. L'aria fredda viene espulsa dall´unità di trattamento aria in seguito all'estrazione della massima quantità di vapore acqueo possibile. L´aria fredda potrebbe essere utilizzata per ulteriori applicazioni produttive;
. Il refrigeratore esegue uno scambio termico con l´aria non filtrata, raffrescando il refrigerante per l'unità di trattamento dell'aria e rilasciando aria calda;
. L'aria calda è utilizzabile per altre applicazioni produttive;
. Il gruppo elettrogeno consente operazioni a distanza e una vera produzione d'acqua indipendente. Il sistema di trattamento filtra l'acqua prodotta, la sterilizza con radiazioni ultraviolette e la mineralizza erogando infine acqua potabile di alta qualità.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?