Sono molti gli appuntamenti in programma quest’anno per festeggiare il compleanno del grande maestro (16 febbraio 1918 – 2 dicembre 2002).
L’avvio è dato proprio nella sede della Fondazione Castiglioni di piazza Castello a Milano. Il 2018 segna il 100 ° anniversario della nascita di Castiglioni e le celebrazioni iniziano con la mostra dal titolo 100×100 Achille, organizzata dal 19 febbraio al 30 aprile 2018.

Achille e Pier Giacomo Castiglioni, Arco, 1962

Achille Castiglioni amava giocare con gli oggetti. Una delle più grandi passioni del maestro italiano è stata la raccolta di pezzi di design ordinario e anonimo, oggetti senza marchio o autore preciso. Alcuni di loro sono diventati l'ispirazione per i suoi progetti, mentre alcuni erano solo un modo per entrare in contatto con l'ingegno e le abilità di menti sconosciute ma brillanti.

La mostra non è semplicemente una esposizione di oggetti, ma il risultato di un'attività a lungo termine portata avanti da Giovanna e Carlo Castiglioni - che gestiscono la fondazione dedicata al padre - e curata da Chiara Alessi e Domitilla Dardi.
Hanno chiesto a 100 designer internazionali di inviare un regalo di compleanno a Castiglioni. L'unica regola di questo gioco era che i regali dovevano essere anonimi, economici, compatti e accompagnati da un biglietto di auguri.

Componendo una sorta di omaggio collettivo, i 100 designer invitati hanno portato in regalo un oggetto anonimo, ancora una volta trovato e arrangiato, alla maniera di Achille.
La festa è stata l’occasione per festeggiare Achille Castiglioni e tutto quello che il grande maestro ha significato per il design contemporaneo e i suoi protagonisti di oggi.

Achille Castiglioni

Achille Castiglioni nasce a Milano il 16 febbraio1918 e si laurea in Architettura nel 1944.
Fin dal 1940 si dedica alla sperimentazione sul prodotto industriale insieme ai fratelli Livio (1911-1979) e Pier Giacomo (1913-1968).
Dopo la laurea in Architettura nel 1944, dà vita ad un’attività di ricerca sulle forme, le tecniche e i materiali nuovi,tendente alla realizzazione di un processo di progettazione integrale.
Dal 1945 al 1962 svolge l’attività progettuale unitamente al fratello Pier Giacomo presso lo studio di C.so di Porta Nuova 57, nel 1962 per demolizione dello stabile lo studio viene trasferito in P.zza Castello 27 (MI) dove continua la collaborazione con Pier Giacomo fino alla sua morte nel 1968, dal 1968 al 2002, anno della morte di Achille, prosegue l’attività sempre nello studio di P.zza Castello da solo.
Consegue presso il Ministero della Pubblica Istruzione nel 1969 la Libera Docenza in “Progettazione Artistica per l’Industria” e tiene la Cattedra presso la Facoltà di Architettura di Torino fino al 1980 e poi a Milano fino al 1993 come professore ordinario di “Disegno Industriale”.
Ha attuato dal 1950 ad oggi esperimenti e ricerche nella realizzazione di allestimenti per esposizioni(Triennale di Milano, Montecatini, Agip, Rai).
Nel 1956 è tra i fondatori dell’ADI.
Al MoMA di New York sono presenti quattordici sue opere. Altre decine di opere sono presenti in tanti musei internazionali.
Gli sono stati conferiti nove Compassi d’Oro.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?